Vini della provincia di Siena


Il vino diventa arte nella terra di Siena, così amata da pittori come Sandro Chia che hanno creato alcune etichette del Brunello di Montalcino. Da quando ne è diventato produttore, questo borgo è diventato uno dei suoi luoghi preferiti di soggiorno. Ed è certamente in buona compagnia, tanto per cominciare dello scultore Mattew Spender, le cui opere compaiono nel film Io ballo da sola girato da Bertolucci nel Chianti, o Chiantishire come gli Inglesi chiamano questa angolo di campagna toscana.
Inoltre, come Chia, Fernando Botero e Luigi Ontani hanno realizzato alcune etichette di vini, mentre proprietari di tenute e aziende vitivinicole acquistano opere d’arte e mettono spazi a disposizione di esibizioni. Si può ben dire che a Siena il connubio tra vino e arte ha trovato un terreno fertile come quello dei suoi vitigni.

Vigneti nei pressi di San Gimignano

La lista dei vini in provincia di Siena è ricca di etichette pregiate. Scegliere un vino rosso tra un Nobile di Montepulciano ed un Brunello di Montalcino è impresa assai ardua… E per gli amanti di questo vino vi consigliamo un wine tour davvero esclusivo, quello che corre lungo le rotaie del treno. Ogni sabato alle 10 parte da Siena il treno del vino con destinazione nella stazione antica di Montalcino.
A rendere più gradevole il viaggio, oltre alla bellezza del paesaggio della Val d’Orcia che si ammira dai finestrini, la bontà dei vini che si potranno apprezzare nella carrozza-degustazione.
E se sei in vacanza a Firenze puoi prendere il Tuscany Slow Train che ti permette di scoprire in mattinata le bellezze di Siena e quindi di raggiungere Montalcino assaporando piatti della cucina tipica accompagnati da ottimi vini.
Qualunque sia il viaggio di tuo interesse leggi i dettagli consultando il sito di Wine Station (vincitore del best of wine tourism 2009) mentre per scoprire le proprietà enologiche del Brunello e di altri rinomati vini toscani puoi consultare questa pagina sui vini della provincia di Siena.

Brunello di Montalcino
“Come davanti ad un piccolo miracolo” rimaneva di stucco lo scrittore Mario Soldati degustando il Brunello di Montalcino. E come dargli torto; in effetti se questo piccolo borgo è diventato così famoso nel mondo, è sicuramente merito del suo vino.
Prodotto da un unico vitigno (il Sangiovese grosso), il Brunello ha un tenore alcolico che può raggiungere i 14° ed è per questo molto indicato per accompagnare arrosti di carne rossa, formaggi stagionati e piatti a base di selvaggina. Il Brunello ha un colore rosso rubino e un sapore asciutto e vellutato.

Filari d’uva in provincia di Siena

Rosso di Montalcino
Non di solo Brunello si fregiano le cantine di Montalcino, ma anche di un Rosso DOC. Prodotto dagli stessi vigneti del Brunello, se ne differenzia per un invecchiamento più breve che lo rende un vino giovane, fresco, adatto agli abbinamenti di risotti, carne, funghi.

Moscadello di Montalcino
“Divino e leggiardetto” è il Moscadello di Montalcino nei versi di Francesco Redi, medico e poeta. Tra tanti rossi, ecco un vino da dessert che a fine pasto accompagna dolci secchi e pasticceria.
Si tratta di un moscato DOC e può essere frizzante, tranquillo o vendemmia tardiva. Il colore giallo tenue del primo tende ad incupirsi nel secondo e diventa dorato nel terzo. E mentre i primi due sono da bersi giovani, la vendemmia tardiva (il nome lo dice già da sé) va fatta invecchiare più a lungo.

Vigneti vicino a Siena

Nobile di Montepulciano
Nobile di nome e di fatto è questo vino nella poesia Bacco in Toscana di Francesco Redi. Il dio romano esorta Arianna a riempirgli il calice con il Montepulciano che “d’ogni vino è Re”… e chi meglio di Bacco può esprimere giudizi sul vino. … e lui sì, che di vino se ne intende.
La qualità di questo rosso è testimoniata dalla DOCG e la sua gradazione alcolica minima di 12,5°, come quella del Brunello, lo rende ideale con piatti di carne rossa. Un’apposita segnaletica stradale evidenzia gli itinerari lungo cui si trovano le cantine e le aziende vitivinicole che lo producono.
E di un tale Nobile vino non si butta via niente, neanche le botti vuote con cui si gareggia durante il Bravio delle Botti, palio che si disputa a Montepulciano nel mese di Agosto. Per saperne di più puoi visitare il sito www.vinonobiledimontepulciano.it.

Vigneto nella campagna senese

Rosso di Montepulciano
Come quello di Montalcino, anche il Rosso di Montepulciano è un vino DOC. Viene prodotto con le uve del Nobile, cui possono essere aggiunti in minima percentuale grappoli a bacca bianca. Il suo tenore alcolico si aggira intorno ai 13° ed è un vino con cui pasteggiare mentre si mangiano piatti di carne.

Vernaccia di San Gimignano
Due sono le cose che maggiormente contribuiscono alla notorietà del borgo di San Gimignano: le sue torri medievali e la Vernaccia.
La bontà di questo DOCG è secolare, celebrata in alcuni versi scritti da Dante nel Purgatorio, dove papa Martino V sconta la pena di essersi abbandonato al piacere di bere questo vino bianco.

Chi vuole, può trovare ulteriori informazioni su www.vernaccia.it.

Orcia
Che la val d’Orcia sia uno dei luoghi più belli al mondo lo ha dichiarato l’UNESCO definendola partimonio dell’Umanità. Che per i suoi colli si ergano borghi medievali intatti, quali Pienza, e abbazie isolate come i cipressi lo hanno mostrato le inquadrature di film come Il Paziente Inglese. A ciò si aggiunga che dal 2000 la qualità dei suoi vitigni è stata testimoniata dall’assegnazione della denominazione di origine controllata. La Doc Orcia è prodotta in percentuale prevalente (95%) in vino rosso.


Chiavi: , , , , ,

Commenti (2) | March 9, 2010

2 Responses to “Vini della provincia di Siena”

  1. Bernardette Says:
    March 30th, 2012 at 19:46

    LOVE the picture of your DAD!!!! So glad you’re ahving a wonderful time. Take lots of pictures for me, and safe travels. Remember, he can complain just long enough for you and your Mom to call in the no-bitching card and buy a pair of shoes. Love ya.

  2. health insurance Says:
    April 25th, 2012 at 08:01

    I love making stir fry! I use them as a fridge cleanout meal, kind of like a casserole but tastier (since I really don’t like casseroles). I’ve also figured out that I can use eggrolls that way – pretty much any combo of veggies, some kind of leftover protein, wrap, done. Fridge clean.A burrito bowl is basically a burrito in a bowl – sometimes I eat it with chips, sometimes a tortilla, sometimes just with a fork . I pre-cook all of the ingredients in big batches so then we can just assemble our own, pack them for work or whatever and it only takes about 5 minutes.Yum! I use DH vacations to eat food he doesn’t eat too – beans, tomatoes, and… vegetarian meals . I used to be vegan, and I’m still gradually sneaking in less meat-centric versions of the things he’s used to eating. Definitely a work in progress though.

Lascia un commento

Cerca
Agriturismo
in Toscana:

Regione

Provincia
Persone


  

  

Bookmarks

Cerca
Hotel
in Toscana:

Regione


Provincia

Dal 1997 ... La Toscana Newsletter

Toscana Newsletter: Pillole di Toscana via email. Lascia il tuo indirizzo email e metteti comodo, il tuo Viaggio in Toscana è appena cominciato. Riceverai la Toscana Newsletter ogni mese. Iscriviti


Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.