Chiese di Firenze


Sopra tutte le chiese di Firenze svetta la cattedrale di Santa Maria del Fiore con la cupola del Brunelleschi, capolavoro architettonico del Rinascimento, tutt’oggi oggetto di studi ingegneristici.
Dei numerosi ordini religiosi che ha ospitato nei secoli la città di Firenze reca testimonianza nelle molte chiese che gareggiano in ricchezza di opere d’arte. Dalla francescana chiesa di Santa Maria Novella, primo luogo da visitare per chi arriva in treno, alla chiesa di San Marco con il convento domenicano che vide operare il frate pittore Beato Angelico, dalla chiesa medicea di San Lorenzo con le belle Cappelle Medicee alla piccola, trascurata, chiesetta di Santa Felicita contenente capolavori di Pontormo e Bronzino.
Qui di seguito trovi un elenco delle chiese e degli edifici religiosi più importanti di Firenze e sulle opere che contengono.

Cattedrale (Chiesa di Santa Maria del Fiore)
Piazza San Giovanni
Telefono: 055 2302885
Eretta a partire dal 1296 sopra i resti dell’antica chiesa di Santa Reparata, la cattedrale è celebre in tutto il mondo per la magnifica cupola del Brunelleschi, affrescata da Giorgio Vasari.
A chi visita il duomo di Firenze nei giorni intorno al solstizio d’estate (21 giugno) può capitare di assistere ad un fenomeno che si verifica solo quattro volte l’anno e che consiste nell’apparizione di un cerchio di luce che si muove sul pavimento della cappella della Croce sino ad illuminarne un cerchio di marmo, appositamente collocato in quel punto dal matematico e astronomo Paolo dal Pozzo Toscanelli nel 1475.
Ed a proposito di cerchi un’altra curiosità che ben pochi sanno riguarda la lastra tonda di marmo situata dietro la cattedrale, sul pavimento grigio, ad indicare dove cadde nel 1600 la lanterna della cupola, realizzata dal Verrocchio ed issata in cima alla cattedrale grazie ad una macchina creata da Leonardo da Vinci.
Per essere completa una visita a Santa Maria del Fiore di Firenze non può trascurare il Museo dell’Opera del Duomo (visitabile a pagamento), dove si possono vedere alcuni dei capolavori creati per il complesso monumentale della piazza (le cantorie di Donatello e Luca della Robbia, la Maddalena di Donatello, una Pietà di Michelangelo). A Pasqua, davanti alla cattedrale ha luogo lo scoppio del carro.

Battistero
Piazza San Giovanni
Telefono: 055 2302885
Il Battistero di Firenze è il bel san Giovanni intitolato al santo patrono di Firenze e citato nella Divina Commedia dal poeta Dante Alighieri. Sull’esterno, decorato in marmi bianchi e verdi, si aprono le tre porte bronzee, di cui quella est è di tale bellezza che Michelangelo la ribattezzò la Porta del Paradiso. Per chi volesse vedere l’autore di queste magnifiche porte bronzee, Lorenzo Ghiberti, il suo volto spunta da un tondo sulla cornice, nel quinto registro, al cui interno si è ritratto.
L’interno ha la volta rivestita di mosaici realizzati da artisti veneziani e fiorentini del Duecento ed un bel pavimento marmoreo intarsiato su cui è scolpito un cerchio zodiacale che ha al suo centro un sole circondato da un palindromo in latino: ‘En giro torte sol ciclos et rotor igne’ (io sole col fuoco faccio girare tortamente i cerchi e giro anch’io). Questo strano disegno con la scritta leggibile in ambedue i sensi faceva parte di un orologio solare in funzione prima dell’anno 1000.

Chiesa di San Marco
Piazza San Marco
Telefono: 055 2396950
La chiesa insieme al convento deve la sua fama artistica alle opere del Beato Angelico. Per tutti gli amanti di questo pittore è perciò una tappa imperdibile del tour fiorentino.

Chiesa di San Lorenzo
Piazza San Lorenzo 9
Telefono: 055 216634
Tra le opere qui conservate merita segnalare i due pulpiti in bronzo di Donatello. Particolarmente famose sono la sagrestia vecchia di Brunelleschi con un monumento funerario del Verrocchio e le cappelle medicee in cui si trovano due tombe dei Medici, ad opera di Michelangelo. Può far seguito alla visita di questa chiesa un giro al caratteristico mercato di San Lorenzo, tra i più famosi della città.

Certosa del Galluzzo, immagine dal sito www.cistercensi.info

Certosa del Galluzzo
Via della Buca di Certosa 2
Telefono: 055 2049226
Su uno dei colli che circondano Firenze si eleva la Certosa del Galluzzo. Il complesso monastico è aperto al pubblico tutti i giorni, tranne il lunedì, solo su visita guidata. Per arrivarci, se non si è in auto, sarà sufficiente prendere l’autobus n° 37 al Largo Alinari, vicino alla stazione di Santa Maria Novella.
Questo breve viaggio nella circostante campagna fiorentina vi permetterà di poter ammirare tra i tesori custoditi nella Certosa le Scene della Passione affrescate da Pontormo che si rifugiò presso i monaci durante un’epidemia di peste.

Chiesa di Santa Maria Novella
Piazza Santa Maria Novella
Telefono: 055 210113
La prima meta artistica che incontra il turista proveniente dalla stazione centrale di Santa Maria Novella di Firenze è la chiesa domenicana di Santa Maria Novella. Se all’esterno si ammira la facciata a marmi policromi di Leon Battista Alberti, all’interno da non perdere i molti tesori dell’arte medievale e rinascimentale, fra cui la Trinità di Masaccio, i Crocifisso di Giotto e di Brunelleschi e gli affreschi del Ghirlandaio e di Filippino Lippi.
Molto interessante è anche la visita ai suoi chiostri, tra cui il chiostro Verde decorato da Paolo Uccello. Da qui è possibile raggiungere l’antica sala capitolare, nota come il Cappellone degli Spagnoli, magnificamente dipinto verso la metà del Trecento da Andrea Bonaiuti.

Chiesa di Santa Croce
Piazza Santa Croce
Telefono: 055 244619
Orario: Feriali, ore 9.30-17.30; festivi, ore 13-17
Qui giacciono “l’urne dei forti” celebrate dal poeta Ugo Foscolo: da Macchiavelli a Galilei, da Rossini a Michelangelo. ‘Robba da pazzi’ è poi la cappella costruita da Brunelleschi per la famiglia Pazzi. Ed ancora degni di nota sono gli affreschi di Giotto.
Così tanti capolavori che Stendhal per poco non svenne dall’emozione. Nella piazza davanti a Santa Croce si disputa il 24 giugno la partita finale del calcio storico fiorentino.

Chiesa di San Michele e Gaetano
Piazza Antinori
Nel luogo in cui sorgeva un’antica chiesetta medievale sorge l’attuale chiesa di San Michele e Gaetano, magnifico esempio del barocco a Firenze. Eccetto il lunedì, la chiesa è aperta tutti i giorni sino alle 18 e conserva al suo interno molte opere di vari artisti del Seicento come Giovan Battista Foggini e Matteo Rosselli. Capolavoro del patrimonio artistico di questa chiesa è la pala di Pietro da Cortona raffigurante il Martirio di San Lorenzo e situata nella cappella Franceschi.

Chiesa di Santa Felicita
Piazza Santa Felicita
Telefono: 055 213018
Questo piccolo edificio, a pochi passi dal Ponte Vecchio e da Palazzo Pitti, racchiude alcuni capolavori del Manierismo, tra cui la stupenda Deposizione di Pontormo. Una meta poco trascurata dal turismo di massa che vale la pena di una sosta.

Chiesa di Santa Maria del Carmine
Piazza del Carmine
Telefono: 055 2382195
La principale attrattiva di questa chiesa trecentesca è il ciclo di affreschi nella Cappella Brancacci, realizzato da Masolino e Masaccio e raffigurante storie dell’Antico Testamento e di San Pietro, ultimate da Filippino Lippi.
Sono soprattutto le pitture di Masaccio ad avere attratto artisti come Verrocchio e Michelangelo che si recavano qui per studiarle. Recentemente restaurati, questi affreschi sono visibili a pagamento.

Chiesa della Santissima Annunziata
Piazza SS Annunziata
Telefono: 055 266181
La visita alla Chiesa della Santissima Annunziata comincia prima ancora di entrare al suo interno; i Chiostri, infatti, sono affrescati dai grandi interpreti del Manierismo toscano: Rosso Fiorentino, Pontormo e Andrea del Sarto.
Questa chiesa è anche la tappa della processione religiosa che si svolge in occasione della Rificolona e sulla sua piazza si affaccia lo Spedale degli Innocenti, il primo orfanotrofio d’Europa, in cui le madri potevano abbandonare i figli nella ‘ruota’, un cilindro rotante con un’apertura all’esterno dove poteva essere lasciato il bambino. Tirando una corda, suonava la campanella che annunciava l’arrivo di un nuovo ‘innocente’.

Chiesa di San Miniato al Monte
Via Monte alle Croci
Telefono: 055 2342731
Forse per l’incanto dei luoghi, per la bellezza della facciata rivestita di marmi, per la preziosità delle opere d’arte custodite, questa chiesa ha saputo conquistare registi come i fratelli Taviani e Brian De Palma che l’hanno immortalata nei loro film girati a Firenze.
‘Uno scrigno nello scrigno’ è la rinascimentale cappella del cardinale del Portogallo, con opere di Luca della Robbia, Antonio Rossellino e dei fratelli Pollaiolo. Durante particolari orari è possibile ascoltare la messa in latino e canti gregoriani.

Sinagoga
Sinagoga

Fede ebraica
Sinagoga
Via Farini
Telefono: 055 2346654
Orario: Dalla domenica al giovedì, Giugno, Luglio e Agosto; ore 10-18; Aprile, Maggio, Settembre e Ottobre, ore 10-17; da Novembre a Marzo, ore 10-15. Tutto l’anno il venerdì è aperto dalle 10 alle 14.
Vedendola dall’esterno, può sembrare di non trovarsi nella rinascimentale Firenze, ma in un città dell’Oriente. Questo scrigno di travertino e pomato rosa, dominato dal cupolone centrale e da altre cupolette, è all’interno uno scrigno di luce che attraverso le vetrate colorate illuminando i preziosi arredi, le suggestive pitture murali ad arabesco che rivestono interamente le pareti.

Fede ortodossa
Chiesa russa ortodossa
Via Leone X 8
Sull’edificio svettano cinque cupole a bulbo rivestite in ceramica policroma nello stile della Russia settentrionale. È formata da due chiese, una superiore e una inferiore, i cui interni furono decorati da artisti fiorentini e russi.


Chiavi: , , , , ,

Commenti (0) | March 1, 2010

Lascia un commento

##tt_tree_title##

Other Tourist Useful Links

Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.