Dicembre, il periodo dei presepi


Tutta l’Italia da Nord a Sud vive il mese di Dicembre come un momento estremamente particolare; luci, addobbi, alberi di Natale pullulano in ogni dove; odore di caldarroste per le strade (le famose castagne abbrustolite che ancora in varie città e paesi si trovano in vendita in improvvisati banchetti che in questo periodo nascono come per magia nelle vie del centro), negozi imbellettati come signore che si preparano al veglione di capodanno; si respira nell’aria un’eccitazione da festa che forse non è mai così forte come in questo periodo dell’anno. A tutte le latitudini si moltiplicano i mercatini, rionali o organizzati, che offrono tutta la gamma di prodotti tipici.

CULTURA E EVENTI
ROMA: fino al 12 Dicembre, continua alla Fiera di Roma la manifestazione Natale Oggi che da quest’anno propone un intero padiglione, Sapori di Natale, dedicato alle specialità tipiche di Natale e di fine anno con prodotti nazionali ed internazionali (orari 15-22 nei feriali, 10-22 prefestivi e festivi, biglietto £8.000).

A proposito di dolci e dolcezze, l’Italia è in questo caso una vera miniera d’oro. Dappertutto si preparano quelli che sono piccoli gesti di omaggio alla tradizione, conservati e tramandati di generazione in generazione: dai torroncini di vari tipi, ai dolci napoletani (belli anche a vedersi i susamielli a forma di S con sesamo e miele), dal croccante (noci e nocciole cotte nel miele e chiuse fra due ostie) ai ricchissimi dolci siciliani come la cassata, ai canditi, base tra l’altro di quello che è il vero simbolo natalizio italiano, il panettone, dalle origini discusse e dalle infinite variazioni regionali.

Per saperne di più e appassionarsi alla cucina tipica italiana di questo periodo dell’anno, un sito utile è http://www.italmensa.net/italmensa/mese.htm con ricette e consigli per creare un menù completo.

FIRENZE: Se invece vi trovate a Firenze, dal 3 all’8 dicembre alla Fortezza da Basso, storica sede delle più grandi mostre-mercato del capoluogo toscano si terrà Marta mostra mercato dell’artigianato di Natale (orario 10.30-22.30, biglietto £15.000). Nello stesso luogo dal 3 al 12 dicembre, si tiene la Seconda edizione della Biennale Internazionale dell’Arte Contemporanea (orario 10.30-22.30, biglietto £12.000) che ospita 1500 opere (tra dipinti, sculture e disegni) di 520 artisti provenienti da tutto il mondo.

Al presepe è dedicata una mostra che si apre il 12 dicembre per continuare fino al 30 gennaio, nella cripta della chiesa di S. Croce. Saranno esposti per l’occasione più di cento presepi, provenienti da tutto il mondo, nei materiali e nelle dimensioni più svariate, dai presepi in cristallo della Germania, a quelli tutti in legno d’ebano del Senegal. Lo spettacolo è veramente unico!

Il presepe è una tradizione tipicamente italiana, e molti siti che ne parlano sono quindi in lingua italiana; tra i più completi http://www.presepi.it che contiene la storia del presepe e un calendario che segnala gli allestimenti più belli in tutta la penisola.

Sempre a Firenze, e sempre in Piazza S.Croce, per tutto il periodo natalizio sarà installata una pista per pattinare sul ghiaccio con la possibilità di noleggiare i pattini sul posto e di volteggiare tra la gente, fingendo di essere in un qualunque paesino di alta montagna, ma attorniati da uno scenario impareggiabile com’è quello di questa piazza, fra le più belle di tutta la città; inizia a visitarla da qui: http://www.mega.it/eng/egui/monu/xpiazza.htm

VENEZIA: Musicale è invece l’evento con cui ci si può avvicinare a Venezia cercandone un volto diverso dal ‘solito’: il 12 dicembre al Palafenice si terrà un concerto del Venice Gospel Ensemble: un buon modo per allargare gli orizzonti del panorama musicale natalizio con un genere musicale che anche se non è tipico italiano, è sicuramente molto godibile.

DA NON PERDERE:
Se vi siete stufati dei piaceri dello stomaco e delle atmosfere da canzoni sotto l’albero, assolutamente da non perdere è la mostra I cento capolavori dell’Ermitage. Impressionisti e Avanguardie alle Scuderie Papali al Quirinale (dal 18 dicembre al l’11 giugno 2000, orari 10-19 tutti i giorni, giovedì, venerdì e sabato 10-23, biglietto £15.000 ), un’occasione unica per vedere le opere esposte di solito nelle sale del Museo di San Pietroburgo: una selezione dei migliori rappresentanti della pittura francese dalla fine dell’Ottocento alla prima guerra mondiale; una collezione unica tra la quale è difficile scegliere un quadro particolarmente rappresentativo visto l’altissimo livello qualitativo di tutti le opere presenti: “La Danse” di Henri Matisse del 1909 e “La bevitrice di assenzio” di Picasso del 1911 basterebbero comunque da soli a giustificare il prezzo del biglietto.

Per approfondire e ‘prepararsi’ alla mostra potete visitare il sito del museo dell’Ermitage, da poco rinnovato, all’indirizzo www.hermitage.ru, dove si possono trovare immagini e schede testuali sulle opere esposte.

Commenti (0) | December 1, 2009

Lascia un commento

##tt_tree_title##

Other Tourist Useful Links

Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.