Strade del vino in Italia


“Cosa c’è di meglio per ricordare la bellezza dell’Italia” che farlo attraverso i suoi vini, come sostengono i protagonisti del film di Denys Arcand Le invasioni barbariche. Molti sono i vini italiani ormai celebri nel mondo, come il Chianti, il Barolo, il Brunello di Montalcino, e degustandoli si capirà il motivo di tanta fama ben meritata. Durante la tua vacanza in Italia ti consigliamo dunque di includere una sosta presso le cantine, vinerie, enoteche ma anche trattorie e osterie che punteggiano le strade del vino d’Italia.

Per aiutarti a scegliere quando avrai di fronte la carta dei vini abbiamo pensato di darti qualche indicazione sui più importati vini prodotti in Italia e di fornire chiarimenti sulle informazioni scritte sull’etichetta.
Infatti, soprattutto se si è stranieri, si potrebbero avere delle difficoltà a comprendere le differenze tra le quattro classificazioni principali in cui è suddiviso il vino italiano: vino da tavola, vino IGT, vino DOC e vino DOCG.

Vini italiani

Scegliere quali vini italiani presentare, seppur brevemente, non � un’impresa facile; seguendo le strade del vino gli enoturisti potranno degustare vini come Chianti, Barolo, Brunello di Montalcino, Sassicaia.
In questa cartina dell’Italia enologica � la Toscana a risultare la regione pi� amata dagli enoturisti seguita da Piemonte e Sicilia, secondo un sondaggio condotto da Winenews in collaborazione con Vinitaly. Sulla base di tali risultati scopri quali sono i vini italiani pi� famosi nel mondo.

Sassicaia
Vino rosso
Regione di produzione: Toscana
Questo rosso DOC � il vino italiano pi� amato nel mondo. Se tra il 1948 e il 1960 il Sassicaia rimane un vino consumato nell’ambito privato della Tenuta San Guido, � negli anni ottanta che assurge all’Olimpo dei vini.
Insomma la strada che condurr� al successo mondiale il Sassicaia � tutt’altro che facile, impervia come il terreno roccioso, sassoso da cui questo vino deriva il suo nome. Per saperne di pi� sulla storia e sulle caratteristiche enologiche del Sassicaia ti consigliamo di consultare il sito www.sassicaia.it.

Brunello di Montalcino
Vino rosso
Regione di produzione: Toscana
In un contesto paesaggistico di indubbio fascino si erge su un colle il borgo toscano di Montalcino. A renderlo celebre nel mondo non � tanto la bellezza della natura quanto la qualit� dei vigneti da cui si ricava il Brunello, ottimo rosso toscano, dalla forte personalit� e dal sapore asciutto, che migliora nel tempo, dopo anche lunghi periodi di invecchiamento. Per maggiori informazioni ti rimandiamo al sito del Consorzio del Vino Brunello di Montalcino.

Barbaresco
Vino rosso
Regione di produzione: Piemonte
All’enoturista in vacanza nelle Langhe del Piemonte consigliamo di dirigersi verso Alba, capitale del tartufo bianco, e di raggiungere Barbaresco, il paese dell’omonimo vino.
Ottenuto con uve del vitigno Nebbiolo, questo vino rosso, intenso e robusto che ben si abbina a piatti di selvaggina, stracotti, brasati e formaggi stagionati. La sua gradazione alcolica non pu� essere meno di 12,5 gradi e il vino necessita un invecchiamento non inferiore ai 26 mesi, di cui la met� in botte.
Gli amanti del Barbaresco potranno trovare numerose informazioni sul sito web www.barbaresco.it.

Ornellaia
Vino rosso
Regione di produzione: Toscana
In quel di Bolgheri, vicino a quei cipressetti tanto cari al Carducci, sono coltivati i vitigni di Cabernet e Merlot da cui si ottiene questo pregiato vino rosso, un autentico Bolgheri DOC.
Puoi saperne di pi� su questo vino, il suo vitigno e la sua storia visitando il sito dedicato all’Ornellaia.

Barolo
Vino rosso
Regione di produzione: Piemonte
‘Tre nasi son quel che ci vuole per bere il Barolo‘ scriveva Cesare Pavese ne Il Compagno; il re dei vini non poteva non nascere in tenute aristocratiche come quelle dei Marchesi di Barolo e del conte di Cavour.
Il vitigno Nebbiolo nelle variet� Michet, Lampia e Ros� � quello che contribuisce alla realizzazione di questo vino rosso, forte e avvolgente, la cui gradazione alcolica si aggira intorno ai 13� ed il periodo di invecchiamento � almeno di 3 anni.
Per saperne di pi� su questo vino e sulle sue caratteristiche organolettiche puoi visitare il sito del Barolo.

Chianti
Vino rosso e vino bianco
Regione di produzione: Toscana
Chi dice Chianti pensa subito ad uno dei vini italiani pi� famosi e a quelle dolci colline toscane su cui crescono olivi, cipressi e filari di vite, la cui vista fa innamorare molti turisti stranieri che, venuti in vacanza, decidono talvolta di prendervi casa.
Che sia rosso o bianco questo vino resta un docg tra i pi� apprezzati, e la strada del Chianti si dipana tra le province di Siena e di Firenze.

Vitigni italiani

I vini italiani famosi nel mondo sono tanti e la loro qualit� � merito dei vitigni rossi e bianchi coltivati lungo la penisola italica; qui di seguito puoi trovare alcune informazioni sui pi� rinomati vitigni italiani.

Trebbiano: � un vitigno a bacca bianca la cui coltivazione in Emilia Romagna risale ai periodi Etrusco-Romano. Dalle sue uve si ricavano vini freschi, delicatamente profumati, leggeri da consumare giovani, entro un anno dalla vendemmia.

Sangiovese di Toscana: questo vitigno rosso costituisce la base di molti vini rossi toscani come il Chianti, il Brunello di Montalcino, il Vino Nobile di Montepulciano.

Pinot: sempre pi� apprezzato in Italia ed all’estero � anche il Pinot grigio, il vino bianco pi� venduto in America. Il vitigno del Pinot � diffuso soprattutto nel Nord Italia (Lombardia, Veneto, Trentino, Alto Adige, Friuli) e il Pinot bianco � un’ottima base per lo spumante.

Malvasia: � il nome di una specie di vitigno molto diffuso nell’Europa del Sud e presente in tutte le regioni italiane dove viene usato per vini secchi, frizzanti e dolci, tra cui l’Est! Est!! Est!!! di Montefiascone.

Nero d’Avola: il Nero d’Avola � il vitigno rosso pi� importante della produzione vinicola siciliana, da cui si ottiene un vino corposo, forte e dal profumo intenso come il Cerasuolo.

Classificazione dei vini

1.Vino da tavola: � un vino italiano prodotto con uve autorizzate, senza dover rispettare particolari disciplinari di produzione e sull’etichetta non sono specificati i vitigni utilizzati. Ci� non vuol dire che un vino da tavola sia necessariamente di modesta qualit�. Infatti ve ne sono alcuni di particolare prestigio.

2.Vino IGT (Indicazione Geografica Tipica): � un vino italiano prodotto in una specifica regione o zona (autorizzate per legge) e sulla sua etichetta pu� comparire l’indicazione dei vitigni. Come per la categoria precedente, � bene specificare che l’appartenenza a questa categoria non implica una scarsa qualit� dei vini, essendo talvolta dovuta alla volont� del produttore di non aderire alle norme statali di produzione.

3.Vino DOC (Denominazione di Origine Controllata): � un vino ricavato in una limitata area geografica, rispettando precise regole in merito all’uva e ai metodi di produzione. Si tratta dunque di vini di qualit� per la cui produzione spiccano Toscana e Piemonte.

4.Vino DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita): � un vino che, gi� riconosciuto DOC, diventa DOCG dopo almeno cinque anni di eccellenza. Vari sono gli esami che annualmente un vino deve superare perch� sia confermata questa denominazione.

I vini italiani DOCG e DOC corrispondono ai vini VQPRD (vini di qualit� prodotti in regioni determinate), classificazione appartenente alla Comunit� Europea. Altre diciture che si possono leggere sulle etichette dei vini nostrani sono le seguenti:

  • Classico si dice un vino prodotto in una zona di origine pi� antica nell’ambito della stessa DOCG o DOC.
  • Riserva serve a designare vini DOC o DOCG invecchiati per un certo periodo superiore a quello previsto dal disciplinare.
  • Superiore � un vino DOC con una maggiore gradazione alcolica.

Diversi sono i ristoranti che hanno una buona selezione di vini; tuttavia chi preferisce avere a disposizione una pi� ampia scelta pu� visitare le enoteche in cui la carta dei vini � decisamente pi� lunga del men� con i piatti.
Chi si accontenta di berne un buon bicchiere pu� mangiare anche in una trattoria dove la variet� di etichette � generalmente inferiore e per la scelta ci si pu� sempre affidare ai consigli del cameriere.


Chiavi: , ,

Commenti (0) | October 7, 2010

Lascia un commento



Cerca
Agriturismo
in Toscana:

Regione

Provincia
Persone


  

  

Bookmarks

Cerca
Hotel
in Toscana:

Regione


Provincia

Dal 1997 ... La Toscana Newsletter

Toscana Newsletter: Pillole di Toscana via email. Lascia il tuo indirizzo email e metteti comodo, il tuo Viaggio in Toscana è appena cominciato. Riceverai la Toscana Newsletter ogni mese. Iscriviti


Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.