Le ciliegie di Lari


Lari, un paese di 8000 abitanti alle porte di Pontedera, è noto principalmente per la sua produzione di ciliegie. Ciò nonostante, per Lari e per il territorio circostante la ciliegia è più che altro una vocazione: gli abitanti, infatti, non hanno mai considerato i ciliegi una fonte di reddito, e non hanno mai fatto della coltivazione cerasicola un vero impiego. Da sempre i ciliegi crescono sui cigli delle strade e ai margini dei campi coltivati, e i loro frutti, particolarmente saporiti per le condizioni favorevoli della zona, sono accolti come una piccola gioia di stagione.

Lari è un centro antichissimo, di origine etrusca: i resti più antichi risalgono all’VIII sec. a.C., e a partire dal III secolo a.C. ci sono tracce del passaggio ai romani. Nel medioevo, poi, Lari ha avuto vita particolarmente movimentata: contesa per secoli fra Pisa, Lucca e Firenze, il suo profilo è ancora dominato dall’imponente castello, che ha avuto per secoli la fama di castello inespugnabile.

In epoca rinascimentale il castello è stato anche la dimora di ricche famiglie fiorentine, dai Pitti agli Strozzi, ed i restauri e le decorazioni sono stati spesso condotti dai più famosi artisti del tempo.

Al di là dei fasti del passato e della posizione strategica che ha dato fama a questo borgo rurale, oggi il nome di Lari è associato quasi sempre a quello delle ciliegie, che hanno trovato in questa zona l’ambiente di crescita ideale. Numerose sono le varietà qui presenti (19 sono solo quelle tradizionali, altre sono state introdotte di recente perché più adatte alla commercializzazione); alcune sono ormai molto rare o a serio rischio di estinzione, altre godono invece di una fama sempre crescente.

Ci sono anche varietà con una storia pittoresca alle spalle. Ad esempio, la ciliegia Siso, dalla polpa dura ma molto saporita, pare che abbia preso il nome da un tal Pachetti di Lari, detto Siso, che con l’inganno la impiantò in paese. Aveva, infatti, notato in un giardino di Usigliano (un sobborgo di Lari) un ciliegio particolarmente maestoso, che il proprietario, un ufficiale di marina, aveva portato con sé da un viaggio in Giappone. Il proprietario gli aveva negato il permesso di prelevare dei rami per fare innesti, ma il furbo Siso si introdusse nottetempo nel giardino, tagliando così tante talèe da uccidere la pianta originale. Innestò poi tutte le sue piante, con l’accorgimento di lasciare inalterati i rami bassi ed ottenendo, così, un duplice risultato: l’ufficiale non poté accorgersi del furto e i vicini che prelevavano rami per l’innesto, servendosi di quelli più bassi, continuavano ad ottenere la vecchia varietà.

Nella zona di Lari (oltre a Lari, si possono citare Casciana Terme e Terricciola) la coltivazione della ciliegia non è mai stata per nessuno l’attività principale: i frutti sono destinati interamente al consumo locale (spesso alla sola famiglia proprietaria dell’albero e a qualche fortunato amico). L’occasione per mangiare le ciliegie di Lari è quindi praticamente solo una: la sagra annuale della Ciliegia.

La Sagra della ciliegia di Lari è una delle più antiche in Toscana (nel 2006 ha raggiunto la 50esima edizione); si svolge ogni anno durante l’ultimo fine settimana di maggio il primo di giugno. Vi partecipano tutti i produttori della zona, che mettono in vendita sia le ciliegie che i prodotti derivati (alcune delle varietà autoctone, ad esempio, sono particolarmente adatte alla produzione di marmellate).

Recentemente, per la ciliegia di Lari è stato chiesto il riconoscimento della DOP, e la procedura è arrivata ormai alle ultime fasi.


Chiavi: ,

Commenti (0) | January 29, 2010

Lascia un commento



Cerca
Agriturismo
in Toscana:

Regione

Provincia
Persone


  

  

Bookmarks

Cerca
Hotel
in Toscana:

Regione


Provincia

Dal 1997 ... La Toscana Newsletter

Toscana Newsletter: Pillole di Toscana via email. Lascia il tuo indirizzo email e metteti comodo, il tuo Viaggio in Toscana è appena cominciato. Riceverai la Toscana Newsletter ogni mese. Iscriviti


Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.