Lucca: mare, montagna e borghi


Si può dire che a Lucca non manca niente? Nella sua provincia si trovano un capoluogo, Lucca appunto, ricco di monumenti e testimonianze di varie epoche di splendore; una riviera, la Versilia, fra le più note in Italia per le sue spiagge e per la vita notturna; una parte montuosa, la Garfagnana, non solo ricca di boschi e popolata in incantevoli borghi rurali, ma con una delle poche grotte visitabili d’Italia.

Lucca è una città di origine romana; la struttura urbana porta ancora le tracce del primo insediamento, con la bellissima piazza del Mercato (l’antico foro romano) ed il reticolato di strade che vi confluiscono. La caratteristica della città è però la cerchia di mura, di epoca rinascimentale, con i suoi undici baluardi e la sua tradizionale passeggiata.

È nel periodo longobardo e nell’età dei comuni che Lucca ha vissuto i suoi momenti di maggior prosperità. La testimonianza di questa precoce ricchezza resta nelle chiese più antiche della città: in stile romanico, con le facciate in marmi chiari decorate da ampi porticati e da vari piani di archi e finestre, alcune di loro mostrano ancora le antiche strutture del V secolo. Così la chiesa di Santa Reparata, un tempo duomo, fortemente modificata nel corso del X e del XII secolo, con la facciata che risente anche di numerosi interventi secenteschi, ma che porta ancora evidenti tracce della struttura del V secolo (e le fondamenta poggiano su resti datati al II secolo d.c.). La maggior parte delle chiese della città sono nate fra il X e il XII secolo, come San Michele in Foro, San Frediano, Santa Maria Forisportam; a Lucca le chiese sono così numerose che alcuni lucchesi sostengono che il difetto della città sia proprio l’abbondanza di chiese!
Anche l’architettura civile ha avuto grande sviluppo, ad opera delle grandi famiglie di mercanti lucchesi. I più famosi furono forse i Gunigi, committenti della bella Torre trecentesca che sorge nella via che porta ancora oggi il loro nome (una delle vie principali del centro, fra le mete degli appassionati di shopping).

Il territorio della provincia di Lucca arriva fino al mare, con una lunga zona costiera, la Versilia, che va da Forte dei Marmi a Torre del Lago. La fortuna della Versilia ha avuto inizio a fine Ottocento; la fisionomia attuale del lungomare è stata influenzata da un successivo incendio, che distruggendo gli edifici più antichi è stato il motore per la ricostruzione in stile liberty.
La Versilia è nota e frequentata di giorno per i suoi caffè, i suoi negozi e, soprattutto d’estate, per le sue spiagge. Di notte diventa inoltre la meta di un esodo di giovani, provenienti da tutta la Toscana e oltre, attrattati dal susseguirsi di discoteche, pub e locali.

Il centro principale della Versilia è Viareggio. Il suo nome è legato spesso al carnevale, con i monumentali carri in cartapesta opera dei maestri carrai. Si tratta di una manifestazione antica, iniziata nel 1873: nei rioni si lavora tutto l’anno per poter presentare le proprie monumentali creazioni, per progettare i meccanismi interni e per dare forma alla cartapesta, ed i corsi che si svolgono nel periodo del carnevale attraggono ogni settimana decine di migliaia di visitatori, in particolare famiglie e ragazzi.
Forse meno noto ma altrettanto frequentato è l’appuntamento parallelo, il carnevale nei rioni: a turno ognuno dei quartieri della riviera, a partire da Forte dei Marmi e procedendo verso sud, allestisce per strada una festa, che dura per le tre sere del fine settimana con cibo, vino, musica, e la sfilata dei carri di seconda categoria preparati dal rione.

Procedendo verso sud l’ultimo dei centri della riviera è Torre del Lago Puccini, intitolata al grande compositore lirico che qui visse e compose numerose delle sue opere. In suo onore, ogni estate viene organizzata una manifestazione lirica all’aperto, il Festival Puccini, che costituisce un appuntamento molto suggestivo, apprezzato non solo dagli appassionati di lirica.

Nel territorio della provincia di Lucca si trova anche una zona verde molto frequentata dagli amanti dei soggiorni in montagna: si tratta della la Garfagnana, zona montuosa e collinare che si estende intorno al corso superiore del fiume Serchio, fra l’Appennino e le Alpi Apuane. Ricca di castagneti e di pascoli, è punteggiata di circoscritte zone coltivate a terrazza e di antichi insediamenti urbani e pievi, che conservano strutture ed edifici del XII secolo: Barga, Castelnuovo, Careggine. Fra i centri più noti della Garfagnana c’è Borgo a Mozzano, conosciuto per il suo bel ponte della struttura asimmetrica: il nome ufficiale è Ponte della Maddalena, ma è più noto come Ponte del Diavolo, perché si narra che fu il diavolo stesso a costruirlo nel corso di un’unica notte.

Fra i luoghi più affascinanti della Garfagnana c’è la Grotta del Vento. Situata al centro del Parco Naturale delle Alpi Apuane, la Grotta del Vento è una delle grotte più complete d’Europa. Deve il suo nome alle correnti d’aria che si trovano al suo imbocco (la temperatura interna, costante sui 10 gradi, crea sbalzi di pressione e continui scambi d’aria con l’ambiente esterno); visitabile in ogni periodo dell’anno, la grotta offre suggestivi percorsi in mezzo a formazioni calcaree policrome, colonne d’alabastro, laghetti incrostati di cristalli.


Chiavi: , , , ,

Commenti (0) | January 29, 2010

Lascia un commento



Cerca
Agriturismo
in Toscana:

Regione

Provincia
Persone


  

  

Bookmarks

Cerca
Hotel
in Toscana:

Regione


Provincia

Dal 1997 ... La Toscana Newsletter

Toscana Newsletter: Pillole di Toscana via email. Lascia il tuo indirizzo email e metteti comodo, il tuo Viaggio in Toscana è appena cominciato. Riceverai la Toscana Newsletter ogni mese. Iscriviti


Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.