Il nobil pane di Lucca


Chi viene a Lucca e ‘un mangia il buccellato, è come se ‘un ci fosse mai stato!
(anonimo proverbio lucchese)
Nel corso del nostro viaggio attraverso la Toscana dei sapori, abbiamo parlato di vino, di castagne, di olio, di carne pregiata e particolarmente rinomata in tutto il mondo, ma…sapete che cos’è il buccellato?
Devo riconoscerlo, io sono avvantaggiata in questa sorta di indovinello, dato che le mie origini sono in parte anche lucchesi, e nonostante non sia un amante dell’uva passa, sono cresciuta a vino e buccellato! Effettivamente il nome non è un gran richiamo per le menti, anche perché si tratta di un prodotto tipico di Lucca e delle zone limitrofe, poco esportato nelle altre regioni italiane nonostante la sua popolarità. Ma se vi capita di visitare Lucca, città delle 100 chiese (così denominata per il gran numero di chiese presenti nel centro storico), non c’è panetteria, forno o pasticceria che non abbia in vendita il tipico buccellato lucchese.
Si tratta di un dolce, o meglio, di un pane dolce, che si presenta sotto forma dritta e lunga, come quella di un filoncino, anche se in origine somigliava di più a una ciambella.
Eh sì, perché il buccellato ha origini molto antiche: risale, infatti, alla metà del XV secolo e fu creato appositamente per la nobiltà locale (non a caso, si dice sia una ‘nobilitazione del pane’). Il suo nome deriva da buccella, che in latino significa boccone; persino gli antichi romani avevano il loro buccellatum (pane rotondo formato da piccoli panini disposti a mò di corona e chiamati buccellae), anche se allora il pane… non era ancora diventato nobile!
Dall’originale forma a ciambella (che qualche forno ancora produce) si è passati, nel corso del tempo, a quella dritta, forse più per comodità che per altri motivi: come la baguette per i francesi, il buccellato, tipico dolce domenicale, di solito veniva comprato da chi rientrava a casa dopo la messa e portato, come la baguette dai francesi, sotto il braccio.
Nonostante sia un tipico prodotto lucchese, ormai parte della tradizione culinaria e gastronomica di questa bellissima città toscana, non esiste una ricetta ufficialmente riconosciuta e adottata da tutti i produttori di buccellato; ognuno, infatti, personalizza a proprio piacimento gli ingredienti principali, dando vita ad una molteplicità di ricette tradizionali locali e riuscendo così a deliziare anche i palati più difficili. Forse è proprio così che nacque la famosa pasticceria Taddeucci, il cui nome si identifica con il buccellato da quasi un secolo e mezzo. Infatti, anche se ogni pasticceria o forno che trovate a Lucca produce, o quantomeno vende il nobil pane, il Taddeucci è per antonomasia il buccellato tradizionale di Lucca
Ma dopo tanto raccontare di dolci e tradizioni, ancora non vi ho detto come è fatto questo buccellato…L’aspetto è proprio quello di un filoncino, forse un po’ più corto e più tozzo (anche se la forma, così come la ricetta, può variare), di color marrone quasi lucido, data la spennellatura di uova e zucchero prima della cottura; all’interno, la pasta dolce e morbida è cosparsa di uvetta e anice.
Nonostante sia un dolce consumato abitualmente durante tutto l’anno, questo è un periodo particolarmente adatto per deliziarsi con questa specialità: il buccellato, infatti, solitamente tagliato a fette, ben si accompagna con un buon bicchiere di vino o di vin santo
Non so se si tratta di un’usanza diffusa, ma qui in Toscana siamo soliti inzuppare biscotti secchi, come i cantuccini di Prato, o dolci tipo il buccellato, nel bicchiere del vino… Vi posso assicurare che, sebbene non sia un comportamento da bon ton, quale occasione migliore di questa potreste trovare per assaggiare il vin novello?
Commenti (0) | October 13, 2010

Lascia un commento



Cerca
Agriturismo
in Toscana:

Regione

Provincia
Persone


  

  

Bookmarks

Cerca
Hotel
in Toscana:

Regione


Provincia

Dal 1997 ... La Toscana Newsletter

Toscana Newsletter: Pillole di Toscana via email. Lascia il tuo indirizzo email e metteti comodo, il tuo Viaggio in Toscana è appena cominciato. Riceverai la Toscana Newsletter ogni mese. Iscriviti


Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.