Gerusalemme – Si trova in Toscana


Situato nel territorio comunale di Montaione, con la piana del Valdarno inferiore che s’increspa, preparandosi alle asperità che accolgono gli affascinanti abitati di Certaldo, San Gimignano e Volterra, quello di San Vivaldo è un sacro monte di eccezionale valore, seppur meno celebre di tanti altri disseminati nell’Italia settentrionale.
Esso è costituito da un insieme di cappelle e tempietti eretti negli anni immediatamente successivi al 1500, quando i francescani presero possesso del luogo, su ispirazione di tal padre Tommaso da Firenze, un frate che molto viaggiò in Oriente e probabilmente in Palestina. In un’epoca nella quale era senz’altro pericoloso e dispendioso recarsi in pellegrinaggio presso i luoghi dove visse Gesù, egli cercò, con l’aiuto attivo delle maestranze popolari, di riprodurre in scala ridotta, quella che era la città di Gerusalemme della fine del sec. XV.

Ed il risultato è un percorso straordinario con i piccoli edifici sacri che accolgono gruppi statuari, talvolta di gusto popolareggiante, ma spesso con l’intervento di grandi personalità artistiche come Giovanni della Robbia e Benedetto Buglioni, che ricostruiscono, nel mezzo della foresta, i momenti essenziali della Via Dolorosa, ovvero della Passione di Cristo. Un insieme di rappresentazioni che si susseguivano sull’erta di un monte che doveva simboleggiare idealmente il Calvario. Purtroppo non tutte le cappelle ci sono pervenute, mentre alcune altre sono state rifatte in epoche successive. Ma resta intatta l’impressione di grande suggestione e partecipazione, la stessa che doveva colpire i pellegrini dei secoli scorsi, in un cammino che è anche un percorso dell’anima.
Un itinerario che si snoda sbirciando e soffermandosi all’interno di cappelle che ci ripropongono un dramma di duemila anni fa, mentre il pellegrino toccano quasi con mano quei momenti drammatici che aveva potuto soltanto udire da qualche pulpito. Questa, invece, è una immersione totale, una sacra rappresentazione che ci vede come protagonisti. Partendo dalla Casa di Pilato, dove assistiamo alla flagellazione ed all’oltraggio di Gesù innocente, e da quella di Caifa, salendo fin sull’erta del Calvario, accompagnando il Salvatore sotto il peso opprimente della croce, al Santo sepolcro, alla gloriosa ascensione. Ma si giunge ben oltre alle vicende della Passione di Nostro Signore. Altre cappelle, aggiunte successivamente, rimandano all’Ultima cena, con la Lavanda dei piedi, alla Fuga in Egitto.
Accanto a questo percorso dello spirito, forse il punto d’arrivo della meditazione, sorge l’edificio del convento, coevo alla costruzione del sacro monte. In definitiva, una visita a San Vivaldo rappresenta davvero un modo per ripercorrere un tragitto spirituale, che tocca nel profondo. Per il non credente, un occasione unica per godere della freschezza della fede popolare. E di ammirare una Gerusalemme miracolosamente apparsa nella dolce natura della Valdelsa.


Chiavi: , , ,

Commenti (1) | January 28, 2010

One Response to “Gerusalemme – Si trova in Toscana”

  1. Santosh Says:
    March 30th, 2012 at 22:48

    feb02 (28 comments) L’extraordine0ria nidtiesa que has aconseguit (i que vens mostrant a les darreres fotos)em deixa clavada, embadalida, davant la pantalla. Quin objectiu has utilitzat per aconseguir una llum tant bona?

Lascia un commento



Cerca
Agriturismo
in Toscana:

Regione

Provincia
Persone


  

  

Bookmarks

Cerca
Hotel
in Toscana:

Regione


Provincia

Dal 1997 ... La Toscana Newsletter

Toscana Newsletter: Pillole di Toscana via email. Lascia il tuo indirizzo email e metteti comodo, il tuo Viaggio in Toscana è appena cominciato. Riceverai la Toscana Newsletter ogni mese. Iscriviti


Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.