Torrita di Siena e Montefollonico


Incastonati fra la Valdichiana e la Valdorcia, sorgono due piccoli gioielli, di origine medievale, punto di partenza ideale per un percorso negli odori e nei sapori della Toscana. Sono Torrita di Siena e, poco distante, Montefollonico, che dall’alto della collina domina da tempo immemorabile le due valli.

Nata nel medioevo lungo il tracciato della via Francigena, Torrita di Siena conserva intatto il fascino antico del suo borgo storico. Ugualmente affascinante è il centro di Montefollonico, con le sue mura duecentesche in cotto e pietra spenta. Montefollonico è noto anche per il Tondo, un suggestivo parco panoramico, nato nell’Ottocento ad opera dei signori del luogo; circondato da un’ampia zona di latifoglie, il Tondo accoglie cinghiali, caprioli, scoiattoli, tassi e numerose specie di uccelli.

Montefollonico e Torrita sorgono in una terra ricca di minerali, che ha dato vita nel tempo ad una industriosa attività estrattiva. La ricchezza del suolo è testimoniata anche dalla qualità dei prodotti della terra, che dai minerali del suolo acquistano sfumature di sapore inimitabili: l’olio, che da solo riesce a trasformare ogni piatto, anche un pezzo di pane secco, in una prelibatezza unica; il vino, riconosciuto universalmente fra i migliori al mondo per la sua qualità; i formaggi, particolarmente saporiti ed aromatici per la particolarità delle erbe dei pascoli; le carni, della razza chianina e della cinta senese, che sono uniche sia consumate fresche che in salumi e insaccati.
Alle doti naturali del territorio si aggiunge l’industria degli abitanti della zona; ad esempio, la pazienza delle donne che hanno prodotto per secoli uno dei piatti tipici, i famosi pici, sorta di spaghetti fatti in casa, impastati solo con acqua e farina, lavorati a mano (appiciare, si dice l’opera di trasformare la pasta nei gustosi spaghettoni), che si consumano da sempre con ricchi ragù di carne rossa o di volatili.

In questa zona si possono gustare anche tradizionali piatti a base di riso (che sono invece poco diffusi nel resto della Toscana). La vicinanza di Torrita alla via Francigena ha infatti consentito, già in tempi antichi, la disponibilità di prodotti non autoctoni, altrimenti poco diffusi lontano dalle zone di produzione.

In questa terra al cibo si accompagna da sempre una tradizione gentile, quella del vin santo. Il vin santo è un vino passito aromatico, ideale da gustare con i biscotti secchi e con i dolci a base di frutta secca tipici di tutta la Toscana. Prodotto in numerosissime cantine, in quelle dei grandi produttori come in quelle dei privati (che spesso neanche mettono in vendita la loro produzione, destinata interamente all’autoconsumo) il vin santo non è solo una bevanda, ma uno stile di vita: è il caldo bicchierino dorato da offrire agli amici in ogni occasione, simbolo di ospitalità e di amore per la convivialità.

Intorno al vin santo è nato a Montefollonico anche il Premio nazionale per il miglior vin santo artigianale, che mette in gara, davanti ad una giuria di giornalisti e di esperti vinicoli, proprio i prodotti delle cantine private, non destinati alla commercializzazione.
Torrita ospita invece un’iniziativa che esula dal mondo del cibo e del vino: si tratta del Torrita blues festival, nato nel 1988 e diventato in fretta una delle manifestazioni più importanti del genere.


Chiavi: , ,

Commenti (0) | January 27, 2010

Lascia un commento



Cerca
Agriturismo
in Toscana:

Regione

Provincia
Persone


  

  

Bookmarks

Cerca
Hotel
in Toscana:

Regione


Provincia

Dal 1997 ... La Toscana Newsletter

Toscana Newsletter: Pillole di Toscana via email. Lascia il tuo indirizzo email e metteti comodo, il tuo Viaggio in Toscana è appena cominciato. Riceverai la Toscana Newsletter ogni mese. Iscriviti


Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.