Feste in Italia


Diverse sono le festività celebrate in Italia, in molti casi si tratta di feste religiose come Natale, Pasqua, e se un vecchio modo di dire recita ‘Natale con i tuoi, Pasqua con chi vuoi’, l’ultimo trend vede molti Italiani approfittare di questi giorni di vacanze per organizzare viaggi.
Se fino a qualche anno fa durante tali ricorrenze, prevalentemente religiose, era quasi impensabile trovare aperto un negozio o un museo, ultimamente le cose sono un po’ cambiate e alcune attività vengono svolte anche se con orario ridotto.

Le feste non implicano solo disagi o chiusure di negozi e musei, ma rappresentano soprattutto l’occasione ideale per assistere a eventi, spettacoli, processioni religiose, e per gustare ricette tipiche alle sagre. Troverai qui di seguito alcune informazioni su come vengono celebrate tali festività in Italia.

Torri della Garisenda e degli Asinelli a Bologna
Torri della Garisenda e degli Asinelli a Bologna

Capodanno1 Gennaio
Gli italiani salutano l’avvento dell’anno nuovo preparando il cenone di Capodanno anche se sarebbe meglio parlare di cena dell’ultimo dell’anno. Sulle tavole nostrane fanno la loro comparsa il cotechino e lo zampone, accompagnati dalle lenticchie mangiate come auspicio di ricchezza.
E dulcis in fundo non può� mancare una fetta di panettone o di pandoro, anche se la variet�à dei dolci natalizi in Italia � molto pi�ù ampia, si va dai ricciarelli e panforte di Siena agli struffoli di Napoli, dal torrone di Sicilia alle pabassinas della Sardegna.
Come in molte citt�à del mondo, anche nelle principali località� italiane si sparano i tradizionali fuochi d’artificio. Purtroppo, accanto a magnifici spettacoli pirotecnici, ci sono i botti di fuochisti inesperti che possono causare feriti; perci�ò si raccomanda di fare attenzione soprattutto se ci si trova a trascorrere questa festività� nel Sud Italia dove l’usanza dei fuochi �improvvisati� � maggiore.
Tipici della tradizione italiana sono alcuni rituali di buon auspicio da osservare durante questa giornata di festa: dall’usanza di indossare biancheria intima rossa a quella, ormai in disuso, di gettare via oggetti vecchi o inutilizzati.
Non mancano città� italiane in cui il Capodanno è� festeggiato anche in altri giorni, cos� � per Firenze e Pisa il 25 marzo e per Venezia il 1 Marzo. Si tratta di eventi locali per ricordare le antiche radici della propria tradizione.

Epifania6 Gennaio
Per la tradizione cristiana �è il giorno in cui i re Magi rendono omaggio al bambin Gesù�, la cui nascita �è stata loro rivelata dalla stella cometa. Questo evento religioso è� ricordato a Firenze con la cavalcata dei Magi.
Ma in Italia �è anche il giorno o meglio la notte in cui la Befana, una vecchietta vestita di cenci e �con le scarpe tutte rotte�, vola a bordo di una scopa, portando �un sacco pieno di doni da regalare ai bimbi buoni�, come recita una filastrocca, mentre a chi �è stato cattivo porta, anzichè� i dolci, del carbone.
In onore di questa simpatica signora in Toscana si preparano dei biscotti dalle forme curiose chiamati i befanini. E, se �è pur vero che “l’Epifania tutte le feste (almeno quelle natalizie) si porta via�, gli italiani e le italiane, soprattutto, si possono consolare con l’inizio della stagione dei saldi invernali.

Pasqua e luned� dell’angelo
Cibi irrinunciabili del pranzo di Pasqua sono l’agnello, le uova di cioccolato e il dolce a forma di colomba, simboli di sacrificio, rinascita e pace. Per Pasquetta, il lunedì� dell’angelo, �è tradizione in Italia fare una gita fuori porta, soprattutto per chi vive in citt�à è� l’occasione per una �fuga� in campagna, tanto più� che le temperature primaverili sono ormai gradevoli e le vacanze pasquali troppo brevi costringono molti a rimanere a casa.
Tra gli eventi che si svolgono a Pasqua merita ricordare quello che si ripete ogni anno in piazza del Duomo a Firenze: lo scoppio del carro. A provocare l’esplosione dei razzi e botti posti sul carro � una colombina di cartapesta che vola lungo un filo di ferro dalla Cattedrale al carro per poi tornare indietro. E’� credenza popolare che se il percorso procede senza intoppi l�anno sar� positivo.
Festa della liberazione25 Aprile
Il 25 aprile 1945 gli ultimi paesi italiani furono liberati dall’occupazione delle truppe nazifasciste. Per questo tale ricorrenza �è celebrata in Italia come la festa della Liberazione.
Molte sono le iniziative in programma per commemorare questo evento. A ci�ò si aggiunga che il 25 aprile si festeggia San Marco, perci�ò nelle citt�à, come Venezia, di cui è� il patrono vengono organizzate fiere e altri eventi.

Festa del lavoro � 1 Maggio
�Lavoratoriii!� esclama in tono offensivo Alberto Sordi nei panni di uno de I vitelloni, film di Fellini del 1953, otto anni da quando la festa del lavoro, o festa dei lavoratori, era stata ripristinata in Italia dopo il ventennio fascista.
Nonostante le origini stelle e strisce di questa ricorrenza, frutto di battaglie operaie che portarono a fissare l’orario di lavoro quotidiano in otto ore, proprio negli Stati Uniti non viene celebrata. In Italia la manifestazione di maggiore importanza �è il concerto organizzato in piazza San Giovanni a Roma dai tre principali sindacati.

Festa della Repubblica2 Giugno
In seguito al referendum (per la prima volta a suffragio universale) indetto il 2 giugno 1946 riguardante la forma di governo da dare al paese, l’Italia divenne una repubblica. Nel 1949 fu istituita questa festa che, abrogata nel 1977, � stata reintrodotta nel 2001 per volere dell’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.
Oltre alla classica parata militare in via dei Fori Imperiali, a Roma, alla presenza delle pi� alte cariche dello Stato, sono diverse le iniziative che si svolgono nella capitale e in altre città� per celebrare la Repubblica Italiana.

Fuochi d’artificio di Ferragosto a Messina, immagine presa dal sito www.leggievai.it
Fuochi d’artificio di Ferragosto a Messina, immagine presa dal sito www.leggievai.it

Assunzione della Vergine15 Agosto
Per la maggior parte degli italiani � Ferragosto, ossia tempo di vacanze, proprio come lo era per gli antichi Romani. Il nome deriva infatti dal latino �feriae Augusti�, festa pagana con cui si celebrava la raccolta dei cereali.
Divenuta presso la fede cattolica l’Assunzione al cielo di Maria, � celebrata come tale per lo pi�ù con processioni, tra le pi�ù importanti ricordiamo quelle che si svolgono a Sassari, dove sono portati per la città� dei “candelieri” di cartapesta, in forma di palma, e a Tivoli (Roma) con l�inchinata della statua della Vergine quando incontra quella di Gesù�.

Ognissanti1 Novembre
�Scherza coi fanti ma lascia stare i santi�. Questo noto detto testimonia l’importanza attribuita ai santi in Italia (San Francesco d’Assisi e Santa Caterina da Siena ne sono i patroni), che emerge chiaramente partecipando alle manifestazioni organizzate in molte citt� italiane in loro onore.
A tal proposito, tra le più� belle feste patronali segnaliamo quelle di Santa Rosalia a Palermo il 14 luglio, di San Paolino a Lucca il 12 luglio e di San Ranieri a Pisa tra il 16 e il 17 giugno. Per conoscere i giorni in cui sono venerati � sufficiente consultare un calendario su cui, infatti, sono spesso indicati; non tutti, si intende.
Impossibile far comparire i migliaia di santi riconosciuti dalla Chiesa cattolica nei �soli� 365 giorni (366 quando va bene!) annui. Con questa festività� non si fa torto a nessuno poich�, come rivela il nome, sono celebrati tutti i santi.

Immacolata Concezione8 Dicembre
�Zia Maria � ovunque qui, la sua presenza tranquillizzante ci rassicura che le cose procederanno come hanno sempre fatto sinora�. Con queste parole la scrittrice americana Frances, protagonista di Under the Tuscan Sun, manifesta la sua simpatia verso la Madonna che, se nel culto cattolico ha un ruolo centrale, in Italia specialmente � una presenza importante e familiare, come una madre.
E come si dice da noi �la mamma � sempre la mamma�, la persona da cui si sa di poter essere amati anche se si � �’o scarrafone!� come canta Pino Daniele. Non sorprenda dunque l’alto numero di feste dedicate alla Vergine di cui in tale giorno si celebra l’essere nata senza peccato, immacolata appunto.

Mercatino di Natale a Trento, dal sito www.mercatinodinatale.tn.it
Mercatino di Natale a Trento, dal sito www.mercatinodinatale.tn.it

Natale e Santo Stefano � 25 e 26 Dicembre
Se in tutto il mondo � consuetudine addobbare gli abeti, in Italia, oltre all’albero, � tradizione antica (risalente al presepio di Greppio di San Francesco) e piuttosto diffusa preparare il presepe. In molte case e chiese sono disposte intorno alla capannuccia con la Sacra Famiglia le statuine raffiguranti i personaggi della Nativit�à: pastori, falegnami, fabbri, donne con brocche d’acqua.
Un posto particolare �è occupato dai presepi napoletani, rinomati grazie alla bravura dei loro artefici, capaci di dare un�impronta naturalistica alla sacra rappresentazione ricostruendo scorci di vita in cui nobili, borghesi e popolani sono colti nelle loro occupazioni giornaliere o nei momenti di svago.
E ammirando queste opere d’arte la domanda rivolta da Edoardo De Filippo, �te piace ‘o presepe?�, in Natale in casa Cupiello più� che mai retorica. A queste creazioni artistiche si aggiungono i presepi viventi in cui al posto delle statue ci sono uomini in carne ed ossa che interpretano i vari personaggi.

Chi si trova invece nel Nord Italia potr�à divertirsi a curiosare tra i mercatini natalizi che soprattutto nelle regioni settentrionali e specialmente in Trentino Alto Adige contribuiscono a rallegrare l’atmosfera di molti paesini e citt�. Per saperne di pi�ù su queste iniziative si consiglia di visitare il sito di Tuscany travel. Tra gli eventi con cui viene celebrata questa ricorrenza, come non ricordare, il tradizionale concerto di Natale in Vaticano.


Chiavi: ,

Commenti (1) | October 6, 2009

One Response to “Feste in Italia”

  1. Essence Says:
    December 2nd, 2011 at 04:06

    I’m shocked that I found this info so easliy.

Lascia un commento



Cerca
Agriturismo
in Toscana:

Regione

Provincia
Persone


  

  

Bookmarks

Cerca
Hotel
in Toscana:

Regione


Provincia

Dal 1997 ... La Toscana Newsletter

Toscana Newsletter: Pillole di Toscana via email. Lascia il tuo indirizzo email e metteti comodo, il tuo Viaggio in Toscana è appena cominciato. Riceverai la Toscana Newsletter ogni mese. Iscriviti


Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.