Chiese di Lucca e provincia


Lucca è soprannominata la ‘città dalle cento chiese’. A partire dal duomo di San Martino fino alla basilica di San Frediano passando per la chiesa di San Michele, numerose sono le tappe che scandiscono l’itinerario artistico-religioso della provincia lucchese.
Si tratta prevalentemente di edifici di epoca medievale, della cui devozione popolare è espressione il crocifisso ligneo del Volto Santo, custodito all’interno della cattedrale e portato in processione durante la sera del 13 settembre in occasione della festa di Santa Croce.

Scopri i principali monumenti religiosi e le chiese della provincia di Lucca.

Chiese a Lucca

Cattedrale di San Martino
Nell’omonima piazza si trova la chiesa di San Martino, divenuto duomo in un secondo tempo. Molte sono le opere che meritano di essere viste, a partire dalla facciata in cui tre ordini di loggette ne alleggeriscono la parte superiore mentre sotto il portico si trovano dei rilievi, tra cui alcuni raffigurano le storie di San Martino ed altri la Natività e la Deposizione, ritenuti opera di Nicola Pisano.
Insomma se tra tante decorazioni il turista rischia di smarrirsi come nel labirinto scolpito sul pilastro che sorregge il campanile con la funzione di tenere lontano i demoni, figuriamoci una volta che, all’interno, si trova dinanzi alle tele di Domenico Ghirlandaio e Tintoretto e al bellissimo monumento funerario raffigurante Ilaria Del Carretto, eseguito da Jacopo della Quercia.
Così distesa, la giovane moglie di Paolo Guinigi, morta a soli 29 anni nel 1405, pare addormentata; ai suoi piedi le fa compagnia un piccolo cane, simbolo della fedeltà coniugale.
Per i fedeli lucchesi non c’è opera che valga più del Volto Santo, crocifisso ligneo monumentale del VII secolo, particolarmente venerato in quanto ritenuto opera di Nicodemo e custodito all’interno di un tabernacolo quattrocentesco.
In occasione della Festa di Santa Croce il Volto Santo viene portato in processione per le vie del centro storico; questa manifestazione religiosa attira anche molti turisti per la spettacolarità del corteo in costume che la accompagna e delle luci di candele che ne illuminano il percorso notturno.

Chiesa di San Michele a Lucca

Chiesa di San Michele
Il nome per esteso di questa chiesa è San Michele in foro poiché l’edificio sorge sull’area anticamente occupata dal foro romano. La facciata rivestita di marmo è scandita da quattro ordini di loggette e alla cui sommità svetta la statua dell’arcangelo Michele che tiene nella mano sinistra un anello la cui gemma verso mezzogiorno rifletterebbe la luce del sole se ci si trova davanti alla banca commerciale. Trovandovi di fronte all’edificio merita soffermarsi a guardare le belle colonnine, una diversa dall’altra, alcune sono bicrome, altre tortili, o ancora di ordine composito.
Sopra le colonne si impostano archi su cui campeggiano alcuni volti tra cui potrai riconoscere i ritratti di Garibaldi, Cavour (terzo e quarto personaggio da destra) e Vittorio Emanuele II (settimo personaggio). Durante il restauro iniziato nel 1886 alcune teste della facciata della chiesa subirono un curioso ‘lifting’ venendo ad assumere le sembianze di alcuni protagonisti del Risorgimento.
Le opere maggiormente degne di nota all’interno della chiesa sono la terraccotta invetriata con Madonna con bambino di Andrea della Robbia ed una tavola di Filippino Lippi. Non sarà un capolavoro dell’arte ma sicuramente lo è del gusto il celebre buccellato della pasticceria Taddeucci che si affaccia su piazza San Michele.

Chiesa di San Frediano
Dietro la scenografica piazza dell’Anfiteatro si erge la Basilica di San Frediano, una delle chiese lucchesi più antiche, risalente nel suo aspetto attuale all’inizio del XII secolo. All’esterno illumina la facciata il mosaico dorato con l’Ascensione di Cristo, mentre una volta entrati cattura immediatamente l’attenzione il grande fonte battesimale interamente scolpito, di epoca romanica.
Chi si trova in vacanza a Lucca la sera del 13 settembre può vedere partire da piazza San Frediano il corteo storico che porta in processione il Volto Santo, mentre il 27 aprile la piazza dell’Anfiteatro si riempie di fiori in occasione del mercato di Santa Zita.

Chiese fuori Lucca

Cattedrale di Barga
La cattedrale si erge sul punto più alto del paese e permette di godere di una magnifica veduta panoramica della Valle del Serchio. Magnifico esempio di arte romanica, la facciata della chiesa è decorata con arcate cieche, lesene e con archetti a tutto sesto i cui capitelli presentano raffigurazioni animali e umane.
All’interno tra le opere più pregevoli conservate nel duomo segnaliamo il pulpito marmoreo del XII secolo di scuola cosmatesca, attribuito a Guido Bigarelli da Como. La cassa rettangolare poggia su quattro colonne di marmo rosso, due delle quali sostenute da due leoni, animale simbolo della forza del Cristianesimo. Le altre due colonne poggiano l’una sulla schiena di un nano, allusione al mondo pagano, e l’altra sul pavimento, ossia il mondo cristiano. Tutti i capitelli sono decorati con foglie d’acanto e su uno sono raffigurati animali.
Una curiosità che alla maggior parte dei turisti può sfuggire è costituita dai segni incisi su una pietra a destra dell’ingresso principale. Per gli amanti dei rebus si tratta di scritte il cui significato è ancora avvolto dal mistero; e i turisti in provincia di Pisa potranno trovare un’iscrizione identica sul battistero di Pisa in Piazza dei Miracoli.


Chiavi: , , ,

Commenti (0) | March 1, 2010

Lascia un commento



Cerca
Agriturismo
in Toscana:

Regione

Provincia
Persone


  

  

Bookmarks

Cerca
Hotel
in Toscana:

Regione


Provincia

Dal 1997 ... La Toscana Newsletter

Toscana Newsletter: Pillole di Toscana via email. Lascia il tuo indirizzo email e metteti comodo, il tuo Viaggio in Toscana è appena cominciato. Riceverai la Toscana Newsletter ogni mese. Iscriviti


Copyright © 2011 4Tourism s.r.l - All rights reserved.
4Tourism s.r.l società unipersonale Via S.Antioco 70 - 56021 Cascina (PI) Codice Fiscale 01618980500 - Partita Iva 01618980500
Numero R.E.A 141307 - Registro Imprese di PISA n. 01618980500 Capitale Soc. € 10.000,00 i. v.